Lista Desideri
  
Menu

Bagno senza piastrelle: pro e contro e rivestimenti alternativi

23 Dicembre 2020
Bagno senza piastrelle: pro e contro e rivestimenti alternativi

Sicuramente almeno una volta avete pensato a come arredare un bagno senza l’utilizzo delle classiche piastrelle, ormai costose e datate, ma non avete molte idee su come concretizzare quest’idea. Questo articolo vi darà qualche spunto su come stravolgere lo stile del vostro bagno, dandogli un tocco moderno e confortevole.

Bagno senza piastrelle pro e contro

Il bagno è un ambiente che naturalmente tende ad accumulare umidità, infatti fino a poco tempo fa per ovviare questo problema si era soliti rivestire le pareti con le piastrelle, donando all’ambiente un tocco chic e retrò.

Di questi tempi però, rivestire le pareti del proprio bagno con le piastrelle risulta essere un'operazione sempre più complessa e costosa: nel tempo le piastrelle si spezzano, hanno bisogno di molta cura, igiene e manutenzione, altrimenti c’è il rischio che si formino delle infiltrazioni di umidità fra le tessere, per non parlare della conseguente formazione di muffa.

Gli interior design hanno studiato delle soluzioni alternative per un bagno senza piastrelle, dando agli utenti non solo la possibilità di avere una maggior scelta nell’arredare il proprio bagno senza rivestimento, ma anche avere delle opzioni che abbattono i costi di piastrellatura delle pareti.

Tutte queste alternative risultano abbastanza economiche e resistenti alle infiltrazioni d’acqua, sono molto facili da pulire, da sostituire e hanno una buona durata nel tempo. In altre parole, un bagno senza piastrelle sulle pareti risponde ai requisiti di economicità (rispetto alle classiche piastrelle), semplicità di applicazione, igiene, funzionalità e resistenza.

Come rivestire un bagno senza piastrelle

Fare un bagno senza piastrelle è una soluzione adatta ed economica per coloro che amano gli ambienti con spazi continui e senza fughe. Il tempo che occorre per realizzare delle pareti bagno senza piastrelle è ovviamente inferiore rispetto a qualunque rivestimento con piastrelle e l’effetto ottenuto, anche se diverso, risulta ugualmente confortevole, funzionale e per molti versi, molto più igienico rispetto ad un bagno piastrellato. 

Dettaglio non da poco, tutte le tecniche alternative per realizzare dei muri bagno senza piastrelle sono decisamente più economiche (anche il tempo di realizzazione si riduce) ma con un effetto più moderno. Le possibilità per un bagno senza rivestimento tradizionale sono molteplici, ognuno con i propri pro e contro.

Rivestimenti in resina

La resina di certo risulta essere molto meno economica rispetto alle pitture siliconiche, ma sicuramente rispecchia i canoni di igiene e resistenza all’umidità, grazie alla sua naturale impermeabilità.

Questo materiale risulta estremamente facile da abbinare con altri rivestimenti, come il parquet. Se si dispone di un bagno grande e ben esposto alla luce naturale, si può fare un azzardo ed utilizzare la resina grigia assieme a delle tonalità scure.

Nel caso in cui invece si disponga di un bagno piccolo e poco luminoso, il consiglio è quello di utilizzare un grigio chiaro, che donerà luce e respiro alla stanza.

Rivestimenti in legno

Anche se può sembrare strano, esistono degli isolanti talmente potenti da permettere di utilizzare il legno come rivestimento per gli ambienti più umidi.

Per un bagno moderno senza piastrelle, si consiglia di utilizzare del legno come il carrubo o il cedro, oppure il teak, naturalmente idrorepellente: per un tocco di modernità, utilizzate tonalità come il bianco e colori chiari o pastello.

Rivestimenti in cemento

Alternativa un po’ bizzarra, ma allo stesso tempo estremamente moderna, per avere un bagno senza piastrelle sulle pareti, il cemento può essere una valida alternativa per realizzare delle pareti moderne, diverse e grintose.

Se il cemento è un'idea che vi stuzzica la mente, allora sarà ancora più interessante sapere che potrete scegliere fra due alternative di lavorazione, vale a dire il microcemento e il cemento spatolato, con la possibilità di essere modellati in maniera più o meno grezza e grossolana, fino a diventare totalmente lisci al tatto.

Questa soluzione risulta essere molto economica, facile da pulire e resistente all'acqua: infatti, una volta seccato, il cemento si compatta ed elimina qualsiasi potenziale infiltrazione. Se utilizzato con buon gusto, può essere accostato ad altri materiali, come il legno o il cotto, per risultato finale moderno e creativo.

Abbinatelo a colori chiari, nel caso in cui si opti per una texture più grezza, mentre se si decide di lavorare la parete in maniera liscia, azzardate e accostatelo a dei colori con più carattere, come il viola (attenzione però a non appesantire l’effetto finale).

Vernici idrorepellenti e smalti acrilici

L'ultima idea su come arredare un bagno senza piastrelle è attraverso l’utilizzo di vernici idrorepellenti o smalti acrilici. Queste due soluzioni risultano sicuramente essere le più economiche e le meno particolari.

Se però si possiede un po' di ingegno, è possibile creare un effetto nuovo, brioso e divertente e rendere la vostra stanza da bagno senza piastrelle un luogo ideale dove passare i vostri momenti più intimi.

Vai all'articolo precedente:Come scegliere le piastrelle del bagno: materiale, colori e dimensioni
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image