Come montare un sifone cucina: consigli pratici

Come montare un sifone cucina: consigli pratici

Ci possono essere molti motivi per cui è necessario sapere come montare un sifone cucina. Può succedere che per errore scivoli un anello o qualche altro piccolo oggetto nello scarico del lavandino, oppure che sia necessaria un'operazione di pulizia per eliminare odori sgradevoli che provengono proprio dal lavello, oppure ancora possiamo accorgerci che il sifone lavandino cucina perde ed è quindi necessario cambiarlo.

Per montare sifone lavello cucina non è necessario chiamare un idraulico, opzione che comporta sicuramente dei costi e che magari non è praticabile in tempi rapidi. La sfortuna spesso vuole che le situazioni di emergenza capitino di notte o nei giorni festivi, quando è quasi impossibile riuscire a trovare un idraulico disponibile. Ma, in realtà, come smontare sifone lavello cucina è un'operazione relativamente semplice, che con qualche piccolo accorgimento si può fare tranquillamente da soli.

Vediamo nelle prossime righe tutti i passaggi necessari per capire come montare scarico lavandino cucina, in maniera da essere pronti ad intervenire per ogni evenienza.

Montaggio sifone lavello cucina: cosa è e a cosa serve

Il sifone è una parte fondamentale dello scarico, sia per quanto riguarda il lavandino del bagno che il lavello della cucina. Si tratta di quel tubo, con la forma a "U", che forma una sorta di conca in cui si deposita dell'acqua. Questo deposito impedisce ai gas di risalire attraverso lo scarico, evitando il rilascio dei cattivi odori.

Nel caso in cui però l'acqua ristagni troppo a lungo, può capitare che evapori. In questo caso, la funzione di "tappo" del sifone viene meno e le esalazioni riescono a risalire il condotto. Inoltre, l'accumulo di capelli o residui di cibo nello scarico può portare alla sua otturazione e al rallentamento, se non proprio al blocco, del deflusso dell'acqua.

Proprio per questo motivo, vedremo come smontare sifone lavandino cucina è volutamente semplice, dal momento che si tratta di un'operazione che viene sempre prevista nell'ottica di una normale manutenzione casalinga. Tutti i sifoni in commercio si smontano con facilità, per dare la possibilità di recuperare oggetti e liberare lo scarico agevolmente, e allo stesso modo installare sifone cucina non richiede una particolare abilità idraulica.

Come pulire sifone lavandino cucina

Per prima cosa, assicuratevi di posizionare una bacinella, o comunque qualunque tipo di contenitore, per evitare che, mentre lo smontate, l'acqua che si è depositata nel sifone vada a bagnare il pavimento. Poi preoccupatevi di prendere nota della disposizione dei vari pezzi e dei raccordi, per essere in grado poi di rimontare il sifone, o di montarne uno nuovo, nella stessa maniera. Può essere utile anche fare delle foto, in maniera da avere sempre a disposizione un riferimento visivo.

Utilizziamo quindi una chiave a pappagallo per svitare gli anelli che congiungono i vari raccordi. Spesso, è possibile svitarli a mani nude ma, soprattutto nel caso di lavelli più vecchi, tenete sempre a portata di mano una chiave a pappagallo, nel caso incontriate più resistenza. Nel caso dei vecchi sifoni in piombo, prestate molta attenzione perché è possibile che si verifichino rotture o deformazioni. Ovviamente, se avete in programma di cambiare sifone, l'eventualità di rovinare quello vecchio non vi dovrà preoccupare.

Iniziate svitando l'anello più vicino allo scarico del lavello, per poi passare a quello più prossimo allo scarico a muro. Una volta allentati questi due raccordi, sarà possibile estrarre l'intero sifone ed eventualmente smontarlo anche negli altri eventuali punti di raccordo, al fine di recuperare eventuali oggetti caduti nello scarico e pulire più agevolmente tutto il condotto. Per liberare il tubo da eventuali otturazioni presenti all'interno dei raccordi a gomito, si può utilizzare un'asta pieghevole che, mentre facciamo scorrere acqua corrente all'interno, aiuti a liberare eventuali ostruzioni.

Come montare sifone lavello cucina

Prima di montare sifone lavandino cucina, occorre assicurarsi che il prodotto che andiamo ad installare abbia le dimensioni giuste, in base a quelle dei tubi già esistenti. Al momento dell'acquisto, se possibile, portate con voi il vecchio sifone (o quanto meno una parte di tubo terminale), in modo da avere la certezza che i pezzi e i raccordi siano compatibili e delle dimensioni adatte.

Vediamo ora come montare un sifone da cucina: per prima cosa, controlliamo che le guarnizioni dello scarico a parete siano ben posizionate e preoccupiamoci di inumidirle con del grasso di vaselina oppure con uno spray al silicone.

Andiamo quindi ad assemblare il nuovo sifone, partendo sempre dallo scarico a parete, facendo penetrare per circa 4 cm la parte orizzontale nel morsetto di gomma della parete.

Proseguiamo quindi a montare il sifone, utilizzando come riferimento delle note o delle foto, di quello precedentemente installato, che avevamo preventivamente preso o scattato. Fate attenzione a non stringere troppo le ghiere di fissaggio per non andare a danneggiare le guarnizioni.

Una volta montato il nuovo sifone, fate scorrere l'acqua corrente, mantenendo sempre un catino od una bacinella sottostante. In caso si verifichino perdite, stringete maggiormente i raccordi ed eventualmente applicate del teflon o della canapa.

Vai all'articolo precedente:Come montare un rubinetto da cucina: i nostri consigli pratici
Vai all'articolo successivo:Tipi di rubinetti bagno: quali scegliere per la tua casa
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta

AVVISO:  

Barbuiani S.r.l. chiude per ferie dal 10 al 22 Agosto compresi.

LoginAccount
Torna su
Cookie Image