Come non scivolare nella doccia: consigli per migliorare il grip

Come non scivolare nella doccia: consigli per migliorare il grip

Scivolare in vasca o in doccia è uno dei più temuti inconvenienti all’interno del bagno… Tra bagnato e superfici scivolose, la possibilità di cadere e farsi del male è concreta. Quindi, per non sottovalutare il problema, abbiamo deciso di descrivere e proporre le diverse soluzioni possibili per non scivolare nella doccia. Scopriamo quali!

Il Problema del piatto doccia scivoloso

I genitori lo ripetono assiduamente ai bambini di fare attenzione quando si entra e si esce dalla doccia. D’altronde, per quanto possa sembrare un’azione banale, è facile appoggiare male il piede sulla superficie bagnata, scivolare, perdere l’equilibrio, cadere e farsi male… basta anche solo un po’ di distrazione!

La probabilità di scivolare in doccia poi aumenta se si ha qualche problema di deambulazione, sia temporaneo che continuo (come per anziani o portatori di handicap). Fortunatamente esistono varie soluzioni pensate proprio per ridurre possibili scivoloni.

 

Leggi anche Box doccia per disabili o anziani: come deve essere organizzato?

 

Piatto doccia antiscivolo

Iniziamo col precisare che molti modelli di piatti doccia in commercio sono solitamente dotati di una lavorazione superficiale che ha proprio lo scopo di fungere da antiscivolo. Sicuramente ti sarà capitato di vedere un classico piatto doccia bianco in ceramica: per compensare l’elevato grado di scivolosità di questo materiale, su tutta la superficie si imprime una texture a rilievo (con disegni più o meno geometrici) in grado di aumentare il grip del piede nudo.

Piatto doccia antiscivolo Pozzi Ginori Nilo

Può interessarti anche Quale piatto doccia scegliere? Come orientarsi tra forme, marchi e materiali

 

Chiaramente ciò non è sufficiente a scongiurare ogni pericolo, ma la superficie antiscivolo è già una buona base di partenza. Le ultime tendenze in merito ai piatti doccia tuttavia prediligono altri materiali, altri colori e altre lavorazioni. La superficie antiscivolo appena descritta tende progressivamente ad evolversi per lasciare spazio a soluzioni di design più vicine ad un effetto naturale (come nel caso dell’ardesia).

 

Vuoi qualche suggerimento per acquistare un nuovo piatto doccia? Scopri in questo video quelli della ditta Fiora!

 

Tappeti antiscivolo doccia

Dal punto di vista puramente estetico non sono un granché, ma i tappetini antiscivolo per doccia rappresentano sicuramente la soluzione più semplice ed economica per garantire un buon livello di attrito col piede. Un accessorio per doccia facilmente reperibile, ma che può veramente fare la differenza in termini di sicurezza.

Oltre a ciò, un tappeto antiscivolo per doccia ha l’ulteriore vantaggio di essere più igienico. Questo, non solo perché è un elemento removibile e facilmente lavabile, ma anche perché solitamente è realizzato con materiali dalle elevate proprietà antibatteriche, antimuffa e antifungine.

Esempio di tappeti antiscivolo per doccia

Leggi anche l'articolo Quali accessori per box doccia non possono mancare?

 

Trattamento antiscivolo piatto doccia

Concludiamo parlando di veri e propri prodotti antiscivolo per piatti doccia. Esistono infatti diversi prodotti per la cura e la manutenzione del bagno che, se applicati sulle superfici scivolose di doccia o vasca, aiutano ad aumentare il grip e, di conseguenza, la stabilità del piede.

Un esempio è dato dal trattamento antiscivolo per doccia BONA MrGRIP. Un prodotto a base d’acqua e completamente biodegradabile che, applicato sul piatto doccia o sul fondo della vasca, migliorano il coefficiente di attrito senza però alterare minimamente l’estetica della superficie.

Ad esempio, se hai un piatto doccia filo pavimento liscio o piastrellato (in continuità con il resto del pavimento), BONA MrGRIP è la soluzione migliore per coniugare design e sicurezza… l’effetto antiscivolo è garantito fino a 5 anni!

Trattamento antiscivolo doccia Bona MrGrip

Vai all'articolo precedente:Quali accessori per box doccia non possono mancare?
Vai all'articolo successivo:Come arredare un bagno con lavanderia
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image