Dove posizionare i termosifoni in casa: idee e consigli pratici

Dove posizionare i termosifoni in casa: idee e consigli pratici

Quando affrontiamo la ristrutturazione di un ambiente una domanda che ci si pone spesso è dove posizionare i termosifoni in casa. Di solito i termosifoni sono collocati sotto le finestre oppure su un muro esterno. Per quale motivo?

Storicamente, quando si trattava di installare termosifoni in casa, si ragionava tenendo conto dell'isolamento termico dell'ambiente. Normalmente le finestre sono le superfici meno isolate del rivestimento della casa, e da cui è possibile che si verifichi una discesa di aria fredda verso l'interno.

Se un muro di mattoni fornisce un po' di protezione anche in assenza di uno strato di isolamento vero e proprio, il valore di isolamento di una finestra a vetro singolo è praticamente nullo. Di conseguenza in passato lo spazio sotto la finestra era considerato quello ideale dove installare termosifoni per combattere il freddo, dal momento che il calore del radiatore andava a formare una sorta di cappa di aria calda che impediva all'aria fredda di entrare.

Al giorno d'oggi i miglioramenti tecnologici dei sistemi di isolamento termico hanno reso superflui questi accorgimenti su dove mettere termosifoni, dal momento che con i doppi vetri standard in quasi ogni casa, adesso abbiamo la libertà di posizionarli quasi ovunque lo vogliamo.

Termosifoni dove collocarli

Con tutte le innovazioni tecnologiche ed estetiche che li hanno resi ormai oggetti di design liberi da molte limitazioni che avevano in passato, quando prendiamo in esame i termosifoni dove metterli diventa una domanda che può avere un ventaglio di risposte molto ampio. Oggi i termosifoni possono essere collocati ovunque nella casa, comprese nicchie e muri interni. Fatto salve le nostre preferenze estetiche e le nostre esigenze di spazio, ci sono comunque degli accorgimenti da tenere presente in particolare per ridurre i consumi e gli sprechi energetici.

Il riscaldamento domestico ad oggi è la maggiore spesa energetica di una famiglia, costituendo il 55 per cento della cifra che si spende ogni anno in energia. Quindi, i termosifoni dove vanno posizionati per massimizzarne l'efficacia? Innanzitutto, i radiatori vanno sempre installati a 3 o 4 cm dalla parete, e ad almeno 10 o 15 cm dal pavimento.

Evitiamo di posizionarli dietro mobili voluminosi, come ad esempio divani o armadi. In questo modo si andrebbe a ostacolare il flusso d’aria calda nella stanza. Conviene mantenere l’area adiacente il termosifone il più libera possibile, in maniera tale da permettere all’aria calda di diffondersi nella stanza.

Se non abbiamo alternative e dobbiamo posizionare il termosifone dietro i mobili a causa dello spazio ridotto, possiamo scegliere un termosifone a convezione che emette calore verso l’alto, invece di un calorifero classico che irradierebbe calore direttamente sul retro del divano o del mobile.

Evitiamo anche copricaloriferi o coperture di qualsiasi tipo, anche tessili, come le tende. Quando un termosifone è coperto da tende che arrivano fino al pavimento, il calore rimane intrappolato e non riesce a diffondersi adeguatamente nella stanza. Alla stessa maniera, le tende a media altezza possono comunque limitare il calore emesso dal termosifone che porta sempre l’aria a salire verso l’alto.

Infissi con doppi vetri

Nelle case più vecchie, con scarso isolamento, è ancora necessario installare il radiatore sotto la finestra per evitare che il freddo penetri all’interno. Questa però è una soluzione che comporta un grande dispendio energetico. È molto meglio investire sull'isolamento termico della casa e installare i vetri doppi, o ancor meglio tripli. Facciamo attenzione però al tipo di serramento che andiamo ad installare, perché rischiamo di favorire la formazione di muffa tutto attorno.

Pannelli termo-riflettenti

Se installiamo i caloriferi sui muri esterni, per evitare la dispersione e migliorarne l'efficienza è opportuno provvedere all’isolamento dei termosifoni con dei pannelli termo-riflettenti. Si tratta di fogli di polietilene rivestiti in alluminio, che vengono venduti in rotoli di spessore fra i 3 e gli 8 millimetri, vengono sistemati dietro i termosifoni e in questo modo riflettono il calore verso l’interno evitando che questo si dissipi nei muri perimetrali. Ultimamente la tendenza è quella di applicare l'isolamento fuori di casa, sulla superficie esterna, per poter sfruttare così l'inerzia termica delle pareti ed essere circondati dal tepore.

Termosifoni elettrici dove posizionarli

Se vogliamo, possiamo anche prevedere l'utilizzo di termosifoni elettrici, che hanno il vantaggio di non dipendere dal riscaldamento centralizzato. Dove posizionare i termosifoni elettrici? In certe stanze che hanno una temperatura oscillante, ad esempio la cucina, che sarà certamente più calda mentre staremo utilizzando il forno o le piastre, oppure il bagno, dove magari ci fa piacere mantenere caldi gli asciugamani, si potranno spegnere o accendere indipendentemente dalle necessità di riscaldamento del resto della casa.

Il posizionamento dei termosifoni elettrici dipende ovviamente da quello della rete elettrica. Un termosifone elettrico con la spina si può collocare ovunque ci sia una presa di corrente, ed è un'operazione che si può fare semplicemente in totale autonomia. Nel caso volessimo connettere i termosifoni alla rete elettrica, invece, conviene chiedere aiuto ad un elettricista.

Vai all'articolo precedente:Come regolare i termosifoni per risparmiare: consigli per ridurre i consumi
Vai all'articolo successivo:Come sanificare il condizionatore di casa
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image