Lavabo bagno: quale scegliere? Guida ai diversi tipi, materiali e dimensioni

Lavabo bagno: quale scegliere? Guida ai diversi tipi, materiali e dimensioni

Il lavabo del bagno chiamato spesso semplicemente lavandino, rappresenta un elemento dell'arredo decisamente irrinunciabile e sempre più di frequente volto ad assecondare tutti gli aspetti legati all'estetica e alla funzionalità, attraverso materiali, stili e design sempre più avanguardistici e ricercati.

Tale tipologia di sanitario ha origini piuttosto antiche: già a partire dal III Millennio A.C. veniva ampiamente utilizzato sotto forma di vasca o bacinella e adibito non solo al semplice lavaggio delle mani. Il lavabo infatti, termine derivante alla lingua latina, assumeva già nell'antichità un significato religioso e rituale associato principalmente alla purificazione.

Se col passare del tempo il lavandino del bagno ha perso inevitabilmente la sua connotazione originaria, ad oggi è innegabile che rappresenti un complemento d'arredo su cui è possibile sbizzarrirsi e in grado di rendere unico ed accogliente anche un locale tendenzialmente meno vivibile come il bagno.

Lavandino bagno quale scegliere? Che ci si orienti su un modello a colonna, sospeso, d’appoggio o da incasso, la scelta del lavabo non dovrebbe mai essere in alcun modo sottovalutata. Ecco dunque una serie di consigli e suggerimenti per scegliere il lavabo bagno più adatto ad assecondare ogni tipo di esigenza, di gusto personale e di stile.

Tipi di lavabo bagno

Le tipologie di lavabo oggi a disposizione sono davvero tantissime e adatte ad ogni tipo di stile ed esigenza. Tutti i tipi di lavabo, a prescindere dalle molteplici forme e materiali, rappresentano veri e propri complementi di design in grado di rendere anche un ambiente come il bagno, non solo funzionale, ma anche elegante e sofisticato. Quale lavabo scegliere? Di seguito una breve panoramica di quelli che sono i modelli d'uso comune.

Lavabo a colonna

Il lavabo a colonna rappresenta uno tra i modelli più classici e diffusi, e tuttavia non risulta mai fuori moda. Elegante e raffinato, anche se sovente non propriamente economico, è costituito dal lavandino vero e proprio che poggia su un supporto a colonna opportunamente fissato alla parete e che svolge una duplice funzione: sostiene l'intera struttura e maschera facilmente tutte le tubazioni necessarie. Può essere inoltre caratterizzato da materiali di differenti tipologie e non necessita di alcun tipo di mobile o top per essere integrato facilmente nell'arredamento della stanza da bagno.

Esempio di lavabo a colonna per il bagno

Lavabo da appoggio

Il lavabo da appoggio rappresenta ad oggi una delle soluzioni più ricercate ed utilizzate: facile da installare, può essere posato facilmente sia sopra un mobile da bagno che su una mensola, qualora si desideri una soluzione più semplice e spartana. La sua forma caratteristica ricorda gli antichi catini impiegati qualche decennio fa, rendendo sia un lavabo piccolo che al contrario un lavabo grande o un doppio lavabo, elementi di pregio, sinonimo di rinnovamento e modernità. Tale tipologia di lavandino consente infine di giocare facilmente con materiali e forme, offrendo la possibilità di rendere il bagno esteticamente piacevole e totalmente personalizzato.

Esempio di lavabo da appoggio per il bagno

Lavabo da incasso

Il lavabo da incasso rappresenta il perfetto compromesso tra uno stile tradizionale e uno più moderno e funzionale. Generalmente installato su un top costituito da forme e materiali differenti, può in alternativa essere posto su un apposito mobile. Un lavabo integrato nel top, può essere dunque definito sotto-piano. Si parla invece di sopra-piano quando il lavabo risulta sporgente rispetto al top o al mobile utilizzato come base d'appoggio.

Il lavabo semincasso invece risulta incassato solo parzialmente: in questo caso il lavabo presenta una particolare struttura perfettamente incastonata da un lato, e sporgente dall'altro. Il lavabo da incasso tuttavia tende a presentare un piccolo svantaggio: la sezione dove la base si congiunge al lavandino stesso, col tempo tende a divenire poco igienica e disfunzionale sotto l'aspetto della pulizia.

Esempio di lavabo da incasso per il bagno

Lavabo sospeso

Il lavabo sospeso presenta il sifone a vista e rappresenta un oggetto di design sempre più in voga nelle abitazioni moderne. Viene fissato direttamente alla parete senza la necessità di ricorrere ad alcun tipo di appoggio. Data la parte superiore libera, si presta ad essere arricchito ed integrato con molteplici complementi d'arredo in grado di renderlo ancora più attuale ed avveniristico. A dispetto dei modelli precedenti, risulta il più pratico da pulire, offrendo la possibilità di essere posizionato facilmente all'altezza desiderata.

Esempio di lavabo sospeso per il bagno

Lavabo bagno quale materiale scegliere

Quando si parla di materiali volti a determinare un valido lavabo, è opportuno tenere presente che non tutti risultano adatti su ogni tipologia di lavabo. Occorre adattare il materiale al modello affinché in ultimo il lavandino scelto risulti pratico e funzionale anche sotto l'aspetto della manutenzione e della pulizia.

Lavabo in marmo e lavabo in pietra

Sia il marmo che la pietra rappresentano due tipologie di materiali resistenti per definizione. Entrambi figurano tra i più versatili quando si parla di lavandini, poiché facilmente adattabili a qualunque modello, forma e dimensione risultando sempre eleganti e di particolare pregio.

Lavabo in ceramica

Il lavabo bagno in ceramica è sicuramente tra i più diffusi, data la notevole resa estetica e la resistenza ottimale ad urti e detergenti aggressivi. Tuttavia, pur garantendo un'elevata durata nel tempo e risultando piuttosto economica sia a livello di costi che di manutenzione, la ceramica non risulta particolarmente lavorabile ponendo dunque limiti nella scelta della forma del lavandino desiderato, che risulterà sempre piuttosto classica e minimale.

Lavabo in resina e lavabo tecnoril

La resina rappresenta uno tra i materiali più di tendenza e dal notevole impatto estetico. Rispetto alla ceramica è un materiale particolarmente flessibile che può essere facilmente lavorato con forme e colori originali. Tuttavia esso presenta un piccolo svantaggio: risulta piuttosto delicato a contatto con sostanze e detergenti aggressivi, problematica ovviabile semplicemente seguendo alcuni piccoli accorgimenti.

Una valida alternativa è data invece dal tecnoril, materiale sintetico altamente innovativo che oltre all'ottimale lavorabilità, presenta un'altissima resistenza sia agli urti che agli agenti aggressivi, riducendo quindi al minimo la manutenzione. Quindi, è meglio top e lavabo in tecnoril o in ceramica? La prima opzione è sicuramente la più valida sotto tutti i punti di vista!

Lavabo in vetro e lavabo in legno

Legno e vetro rappresentano materiali particolarmente originali e se vogliamo piuttosto funzionali quando si parla di lavabi da bagno: se lo stile del locale è prevalentemente rustico, il larice o il teck assicurano un notevole impatto estetico unito ad una notevole funzionalità sia in termini di resistenza che di igiene.

Estremamente scenografico, il legno può essere facilmente lavorato in forme e dimensioni originali ed innovative, caratteristica che ricopre anche il vetro temperato, in grado di coniugare una notevole resistenza ad una manutenzione minima, conferendo una maggiore lucentezza e modernità allo stile della stanza da bagno.

Vai all'articolo precedente:Come montare un lavabo da appoggio: consigli pratici
Vai all'articolo successivo:Come scegliere i sanitari per il bagno: tipologie, vantaggi e svantaggi
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image