Piatto doccia in resina: pro e contro. Opinioni, vantaggi e svantaggi

Piatto doccia in resina: pro e contro. Opinioni, vantaggi e svantaggi

Il piatto doccia in resina è tra i complementi legati all'arredo bagno ad oggi più ricercato e richiesto, il prodotto del momento insomma. In molti prediligono il piatto doccia in resina rispetto ad altri prodotti realizzati al contrario con materiali differenti quali l’acciaio, la ceramica, l’ecomalta o il corian: questo poiché la resina risulta esteticamente piacevole da vedere, contribuendo a rendere il locale particolarmente elegante e raffinato. Analizziamo quindi nel dettaglio quali sono i principali vantaggi e svantaggi dati dalla scelta dei piatti doccia in resina e quali caratteristiche rendono tali complementi d'arredo bagno apprezzati sia a livello estetico che commerciale.

Piatto doccia in resina: caratteristiche del materiale

La resina è un particolare materiale di origine naturale e totalmente eco-sostenibile, definito anche come marmo ricomposto. Componente principale ne è la dolomite, un minerale costituito da carbonato di calcio e magnesio. Essa nasce circa 250 milioni di anni fa, grazie alla notevole frequenza di attività vulcaniche che hanno contribuito, mediante le eruzioni, a sottoporre i minerali primitivi ad una forte pressione unita ad altissime temperature, determinandone il processo di cristallizzazione.

Gli effetti di questi particolari processi di trasformazione hanno dunque determinato non solo la caratteristica durezza e resistenza, ma anche il particolare aspetto di tale resina. La materia prima, estratta, macinata e successivamente trattata e lavorata, attualmente viene prodotta principalmente da molteplici miniere situate in Spagna, tuttavia anche l'Italia ne rappresenta un discreto produttore.

La resina impiegata solitamente nella progettazione e produzione del piatto doccia in resina su misura viene di norma miscelata a particolari composti anch'essi di origine minerale, risultando particolarmente apprezzata poiché in grado di determinare superfici particolarmente sottili che si prestano ad essere facilmente installate a filo pavimento, con un risultato decisamente piacevole soprattutto dal punto di vista estetico.

Tali resine hanno inoltre un notevole impatto visivo, soprattutto grazie all’ausilio delle molteplici finiture disponibili quali la pietra o il marmo, perfettamente simulate attraverso colorazioni e tecniche di produzione all'avanguardia: ovviamente sarà possibile scegliere il complemento più adatto, disponendo di una vasta gamma di combinazioni cromatiche differenti.

Ogni piatto doccia in resina inoltre, durante la fase di produzione subisce molteplici trattamenti: viene colorato in massa offrendo il vantaggio di poter essere successivamente ricolorato qualora si presentassero graffi, scalfiture e anomalie. La resina viene in ultimo completamente ricoperta di gelcoat, un'ulteriore resina poliestere pigmentata mediante minuscole particelle di quarzo. Tale strato serve a garantirne e preservarne la lucentezza finale, determinando la levigatezza della superficie contribuendo inoltre a renderla particolarmente resistente all'utilizzo di eventuali detergenti aggressivi, preservandola da eventuali macchie o possibili alterazioni del colore.

Piatto doccia resina opinioni

Sui piatti doccia in resina opinioni e pareri sono sempre discordanti. Spesso chi decide di optare proprio per la resina circa il materiale impiegato nella realizzazione del piatto doccia, si ritrova a dover riflettere su quelli che possono esserne i vantaggi e gli svantaggi dati da tale materiale, specie sul lungo periodo. Se di fatto la resina ad oggi è il materiale più diffuso e richiesto, di contro determina una serie di fattori che potrebbero causare una inversione di rotta verso materiali alternativi. Ecco dunque i principali vantaggi e svantaggi dati dai piatti doccia in resina.

Piatto doccia in resina vantaggi

Molteplici sono i vantaggi legati al piatto doccia in resina: primo tra tutti è che, essendo la resina stessa amalgamata mediante l'utilizzo di minerali naturali, offre al complemento un aspetto particolarmente accattivante sia sul piano estetico che tattile.

Grazie alla resina è poi possibile ottenere facilmente, una vasta gamma di finiture differenti: si spazia dal classico piatto doccia liscio che simula perfettamente l'aspetto della pietra, dell'ardesia o addirittura della pelle.

È possibile riprodurre l'effetto tipico del cemento spazzolato come del legno. In questo caso le aziende produttrici giocano molto sul design proponendo cataloghi sempre più concepiti all'insegna dello stile e della modernità.

Ulteriore vantaggio è dato poi dalla possibilità di scegliere il piatto doccia in resina in una vasta gamma di colori applicati a tutta massa. Non meno importante poi lo spessore del materiale: di norma si aggira intorno ai 3/4 cm al massimo. I piatti doccia possono quindi essere provvisti o meno di un bordo perimetrale rialzato e possono essere facilmente installati a filo pavimento con un risultato esteticamente impattante.

Quasi tutti i piatti doccia in resina possono contare su un trattamento antiscivolo che ne garantisce la totale sicurezza e sul rivestimento in gelcoat che ne preserva la brillantezza prevenendo graffi e scalfiture. Tuttavia, trattandosi di un impasto, la resina nel tempo può essere facilmente riportata alle condizioni originarie attraverso l'impiego di kit di riparazione specifici, facilmente reperibili in commercio. Risulta inoltre un materiale caldo al tatto e che tende quindi a conservare la temperatura dell'acqua, rendendo la doccia ancora più confortevole e piacevole da utilizzare.

Piatto doccia resina svantaggi

Per quanto concerne invece gli svantaggi del piatto doccia in resina, quello principale è legato alla sua colorazione che, con il passare del tempo, potrebbe subire variazioni dovute all'utilizzo di detergenti o prodotti troppo aggressivi per la pulizia.

Non meno importante è la sensibilità della resina alle temperature particolarmente elevate e agli shock termici che sul lungo periodo potrebbero danneggiare il piatto doccia. Il piatto doccia resina si macchia? Tecnicamente sì, poiché l'assenza di un adeguato rivestimento in gelcoat potrebbe pregiudicarne l'integrità del colore, complice anche una manutenzione scorretta.

Vai all'articolo precedente:Come siliconare il box doccia in modo rapido e preciso
Vai all'articolo successivo:Come togliere il silicone dal box doccia in modo facile e veloce
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image