Tipi di piatti doccia: quale scegliere in base alle esigenze

Tipi di piatti doccia: quale scegliere in base alle esigenze

Devi ristrutturare il bagno della tua casa e vuoi installare la doccia? L’ampia gamma di piatti doccia disponibili ti consente di scegliere fra forme e dimensioni diverse e rispondere alle varie esigenze di spazio e gusto coniugando estetica e funzionalità.

La scelta di un piatto doccia rispondente ai requisiti desiderati deve essere fatta con criterio, soprattutto perché la cabina doccia oggi è diventata l’elemento principale della stanza da bagno e preferita alla vasca.

Ecco come scegliere fra i vari tipi di piatti doccia e destreggiarsi fra dimensioni, forme e materiali.

Come scegliere piatto doccia in base alle dimensioni

La prima cosa da fare prima di capire quale piatto doccia scegliere è sapere qual è lo spazio che abbiamo a disposizione. Dunque, bisogna individuare dove collocare il piatto doccia e misurare con estrema precisione il massimo spazio di cui poter disporre.

In breve, per capire riguardo al piatto doccia quale scegliere devi tenere conto dell’altezza della parete, se vi sono porte o finestre vicine e individuare l’apertura di queste ultime. Inoltre, per il piatto doccia quale comprare se desideri un box doccia ad ante battenti. In questo caso devi valutare l’ingombro complessivo del box doccia considerando le ante aperte.

Scegliere un piatto doccia in base al modello

Una volta appurate le dimensioni, è possibile scegliere il piatto doccia in base ai modelli disponibili. Le tipologie variano in base al modo in cui il piatto va installato. Il modello più tradizionale è quello in appoggio, che risulta rialzato rispetto al filo pavimento e va a creare uno scalino.

Si tratta del modello più comune per quei bagni in cui vi sono problemi di pendenza dello scarico perché si può sfruttare l’altezza del piatto per garantire maggiore pendenza al tubo di scarico dell’acqua.

Il piatto doccia a filo pavimento è invece il modello più funzionale e pratico e viene installato tra lo scarico e il pavimento senza creare scalini. L’effetto finale è di una continuità fra il piatto doccia e il pavimento stesso.

Si tratta di una scelta obbligatoria nel caso si voglia creare un bagno per disabili, essendo accessibile anche con la carrozzina, ma i designer lo preferiscono perché conferisce alla stanza da bagno un’eleganza assoluta.

Un’altra soluzione è il piatto doccia a incasso, che viene inserito parzialmente nel massetto, mantenendo comunque sempre un piccolo scalino.

Piatto doccia quale materiale scegliere

La scelta fra i vari tipi di piatto doccia passa anche per il materiale. Fra i materiali più comuni puoi scegliere fra piatto doccia in ceramica, acrilico, in resina o in gres, ognuno dei quali presenta vantaggi e svantaggi, vediamo quali sono.

Piatto doccia in ceramica – Sono in assoluto i più classici, hanno un’ottima resistenza e il prezzo è contenuto. Gli svantaggi di questo tipo di piatto doccia possono consistere nel fatto che sono realizzabili in una sola colorazione, il bianco, quindi non è adatto a chi invece cerca un piatto doccia di colore diverso. Lo spessore di questa tipologia di piatto doccia negli ultimi anni è stato assottigliato per ottenere un miglior impatto visivo.

Piatto doccia acrilico – Disponibili anche in ridotte dimensioni ed a prezzi economici. La maggior parte dei piatti doccia acrilici può essere installata filo pavimento, ottenendo così un’estetica moderna e molto piacevole per la nostra vista. Questa tipologia di materiale è comunque molto delicata e deve essere collocato lontano da fonti di calore e raggi solari per non farlo ingiallire. Deve anche essere pulito sempre con cura e con prodotti delicati per non macchiarlo. Tuttavia, è facile da personalizzare nelle misure e nelle tonalità e permette di realizzare il piatto doccia specifico per allestire il bagno. Il prezzo molto basso è l’aspetto interessante di questo materiale e anche per questo è molto richiesto.

Piatto doccia in resina – Il piatto doccia in resina risulta elegante ed è molto apprezzato dai professionisti del settore. Definito anche come marmo ricomposto, il piatto doccia di questo materiale viene realizzato con un mix di resina e miscele naturali, può essere installato a filo pavimento perché è ultra sottile ed è disponibile in diverse colorazioni. Resistente anche ai prodotti più aggressivi perché trattato con finitura gelcoat, che lo rende anche liscio e luminoso, è ideale anche per realizzare cabine doccia fuori misura. La resina può infatti essere tagliata anche per creare forme di piatti doccia particolari.

Piatto doccia in gres – Ultrasottile e moderno, il piatto doccia in gres è ideale per chi desidera modelli su misura e un bagno con elementi di qualità e durevoli nel tempo. Altamente igienico, è resistente alle macchie e anche ai prodotti aggressivi. Il suo aspetto è poroso e compatto e può essere rifinito in varie tonalità e con l’effetto desiderato. Di facile manutenzione, è possibile sceglierlo nella tonalità uguale alle piastrelle per un effetto di continuità.

Vai all'articolo precedente:Tipi di box doccia: guida ai diversi materiali
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image